Modificare i Ricordi

A partire dagli anni 70, molti scienziati si sono interessati al modo in cui i ricordi cambiano nella mente. La psicologa statunitense Elizabeth Loftus ha dedicato gran parte delle sue ricerche all’effetto dell‘informazione sbagliata e alla natura dei falsi ricordi. La Loftus in oltre 200 esperimenti che hanno coinvolto oltre 20000 persone ha dimostrato che i soggetti che hanno assistito ad un evento (testimoni oculari) ed hanno poi ricevuto una disinformazione sviluppano ricordi distorti. La stessa scienziata ha dimostrato che si possono indurre ricordi di eventi mai accaduti (falsi ricordi) con vari meccanismi tra i quali la suggestione e l’ immaginazione.

Per esempio, al fine di ottenere una confessione i poliziotti possono chiedere ad una persona sospetta di immaginare la partecipazione ad un crimine. O alcuni psicoterapeuti possono incoraggiare i pazienti ad immaginare eventi dell’infanzia per riportare alla luce possibili ricordi nascosti.

“Come esseri umani non sapremo mai esattamente cosa sia la realtà, perché il nostro cervello non conosce la reale differenza tra l’esperienza immaginata e quella ricordata. Le medesime cellule cerebrali vengono utilizzate per rappresentare entrambi i tipi di esperienza.” (Dilts)

Con questa consapevolezza è possibile modificare i propri ricordi.

Richard Bandler illustra un esercizio che in tanti hanno trovato efficace:

Ogni volta che pensi a qualcosa, ti crei delle immagini o filmati.
Se ricordi un’esperienza probabilmente immaginerai un filmato di ciò che hai vissuto.

1) Il segreto sta nel prendere l’immagine mentale che ti fa stare male, la trasformi in bianco e nero, poi la rimpicciolisci e la sposti sempre più lontano verso l’orizzonte sino a liberartene.

2) Puoi riprendere un’immagine che ti fa star bene o ti rende felice, la rendi più grande, brillante, colorata e vicina e la sensazione positiva probabilmente si intensificherà

In questo modo puoi modificare i tuoi ricordi come ti pare, fai una prova :-)

CIT .

Elizabeth Loftus 

Risorse :

Convinzioni di Robert Dilts
Scelgo la Libertà di Richard Bandler


Condividi